IMG_1032 3 (1).jpg

Caravaggio dipingeva con le lucciole

E' ben noto che Michelangelo Merisi da Caravaggio sia sempre stato uno sperimentatore e un innovatore, ma pochi sanno che utilizzava le lucciole per dipingere.


Il grande pittore era interessato alla luce, al suo potenziale e alla sua potenza. Nelle sue sperimentazioni sembra che mescolasse alla biacca un materiale fluorescente, il distillato di lucciole, che gli permetteva di dipingere al buio con pennellate di bianco fluorescente, luminoso.


Le affascinanti ipotesi arrivano da una studiosa italiana, la restauratrice e storica dell'arte Roberta Lapucci che ha condotto interessantissimi studi sulle tele dell'artista, rivelandone molti segreti...


Ad esempio le tracce di materiali fotosensibili quali arsenico, argento, zolfo, magnesio e iodio che testimoniano l'uso di sostanze chimiche da parte del pittore per ottenere maggiore luminosità nei dipinti.


Caravaggio non era quindi solo un pittore, ma un uomo che costantemente ricercava, e conduceva indagini per migliorare, per conoscere e per elevare l'efficienza e l'impatto della sua arte.


Sono conosciuti anche i suoi interessi e i suoi esperimenti sui fenomeni ottici. Riuscì perfino a trasformare il suo studio in una sorta di gigante camera ottica praticando sul soffitto un buco dal quale penetrava la luce e poi, attraverso uno specchio concavo e una lente biconvessa, proiettava sulla tela l’immagine del soggetto messo in posa.

Ma non si fermò qui.



Infatti le novità riguardanti le tecniche pittoriche del Merisi non si esauriscono al solo impiego del distillato di lucciole. Nei suoi ultimi anni Caravaggio, data la sua condizione di fuggiasco sceglie materiali che tendono ad essiccare rapidamente, smette di copiare dal vero e usa modelli già utilizzati in precedenza. L’ultimo Caravaggio fa “largo uso del bruno di mummia, pigmento prodotto dalla combustione della carne animale, miscelata a resine, e usato dai fossori (operai specializzati nella sepoltura) in alcune fasi della conservazione dei cadaveri.


Attraverso questi aspetti misteriosi e audaci la pittura del Caravaggio e le sue gesta risultano per me ancora più affascinanti e d'ispirazione.

138 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti