IMG_1032 3 (1).jpg

La pittura a pastello

Aggiornato il: giu 1


INTRODUZIONE AL PASTELLO



In molti mi chiedono di sapere di più su questa tecnica magnifica, oggi la mia favorita in assoluto, dunque quale argomento poteva essere migliore per inaugurare il mio blog? Anzitutto sì, stiamo parlando di pittura. Il pastello è una tecnica di pittura a secco. Questo va detto perché è comprensibile che, intuitivamente, si associ la pittura ai pennelli e ai colori liquidi (anche io lo facevo in epoca 'pre-pastelliana'. Una delle cose più eccitanti del pastello è che i colori si possono amalgamare fra loro, fondere per dare vita a nuove tinte, effettuare velature, lavorare a layers, eseguire sfumature e transizioni eccezionali. Il tutto direttamente sulla carta.



UN PO' DI STORIA


Ma facciamo qualche passo indietro, mi sembra doveroso rendere onore alla storia del pastello, che è stato inventato verso la fine del XV secolo dall'artista Jean Perréal. La particolarità del pastello, nella fattispecie un piccolo 'stick', è la grande intensità dei colori (simile a quella dei colori ad olio), che è possibile perché l'impasto è composto quasi esclusivamente da pigmento puro, e una minima quantità di legante. Inizialmente venivano utilizzati per schizzi e disegni preparatori, tra l'altro uno dei primi a impiegarli fu Leonardo Da Vinci. Dovremo però attendere il '700 perché vengano utilizzati, con maestria, per veri e propri dipinti grazie a una donna: Rosalba Carriera, una magnifica ritrattista italiana.



PASTEL PENCILS


Oggi la pittura a pastello si avvale anche dei pastel pencils, matite pastello che per la loro punta fine e 'temperabile' rendono possibile essere più raffinati nei dettagli e nelle velature. Non bisogna dimenticare però che i pastel pencil hanno una quantità di legante piuttosto alta, motivo per cui l'intensità del colore non sarà mai paragonabile a quella del pastello in gessetto. Ecco perché ritengo che si possa ottenere il massimo usando questi strumenti congiuntamente.

Naturalmente le scelte dipendono anche dalle intenzioni e dallo stile pittorico. C'è chi utilizza esclusivamente i pastel pencils, chi solo i pastelli in gessetto. Io li adopero insieme.



I SUPPORTI


I supporti su cui si può dipingere a pastello sono per lo più le carte da pastello, che generalmente sono ruvide, a grana fine, ne esistono gamme che vanno dalle più alle meno abrasive. Questo per facilitare la stesura del colore ma anche per trattenere la quantità più alta possibile di pastello, consentendo così più passaggi e strati diversi di colore. Ci sono carte da bassa grammatura fino a cartoncini veri e propri, specie per i formati più grandi. Si possono anche usare i pastelli sul legno, ma in questo caso la tavola deve essere preparata con delle sostanze che la rendano abrasiva e aggrappante.


Nel prossimo articolo parlerò di marche e di diversità fra i vari prodotti. A presto!



131 visualizzazioni